ECOBONUS AL 110% – TUTTE LE NOVITA’

ECOBONUS AL 110% – NOVITA’ E DIFFERENZE RISPETTO AI BONUS GIA’ IN VIGORE

Il cosiddetto “Decreto Rilancio” ha apportato delle modifiche alla precedente normativa in merito alle detrazioni fiscali per l’efficientamento energetico portando al 110% la percentuale detraibile.
Vediamo di seguito quali sono le principali novità e quali potranno essere i beneficiari di questa detrazione fiscale.

PRINCIPALI INTERVENTI AMMESSI

a) Isolamento di muri, solai, pavimenti e coperture per una superficie non inferiore al 25% della superficie totale dell’edificio.
b) Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati per il riscaldamento, raffrescamento, acqua calda sanitaria a condensazione comprese le spese per lo smaltimento e la bonifica dell’impianto sostituito.
c) Interventi su edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati per il riscaldamento, raffrescamento, acqua calda sanitaria a condensazione comprese le spese per lo smaltimento e la bonifica dell’impianto sostituito.

INTERVENTI AMMESSI SOLO SE ESEGUITI CONGIUNTAMENTE A QUELLI SOPRA CITATI

Altri interventi sono ammessi alla detrazione solo se eseguiti congiuntamente a quelli citati alle precedenti lettere a) b) e c).
Si elencano di seguito alcuni di questi interventi :
1)Sostituzione infissi
2)Sostituzione di schermature solari
3)Installazione di impianti a biomasse (legna, pellet, ecc.)
4)Installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo
5)Installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

DA QUANDO SARA’ POSSIBILE USUFRUIRE DELLA DETRAZIONE AL 110%

L’incentivo sarà usufruibile per le spese sostenute tra il 1 luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021.
Questo significa, per prassi ormai consolidata, che sarà valido anche per lavori autorizzati prima del 01 luglio 2020, purchè la spesa venga sostenuta, quindi fatturata e pagata in data successiva. Di conseguenza sarà possibile usufruire dell’agevolazione anche per interventi con autorizzazioni edilizie precedenti purchè i lavori per cui si richiede la detrazione non siano ancora stati realizzati.

A CHI SPETTA LA DETRAZIONE

La nuova detrazione per l’efficientamento energetico spetterà soltanto ai condomini ed alle persone fisiche.
Restano pertanto escluse le persone giuridiche e le persone fisiche se esercitanti l’attività di impresa, arti e professioni.

LIMITE DI APPLICAZIONE ALLE SOLE ABITAZIONI PRINCIPALI

Oltre al limite di applicazione ai condomini ed alle persone fisiche, il Decreto prevede che l’aliquota al 110% possa essere applicata esclusivamente alle abitazioni principali.

RIPARTIZIONE IN 5 RATE ANNUALI

A differenza del precedente ecobonus, quello in vigore a partire da luglio 2020 prevede ripartizione in 5 rate annuali anziché 10.
Ad esempio per una spesa sostenuta pari a 10.000 Euro, l’importo totale della detrazione sarà pari a 11.000 Euro che il contribuente potrà detrarre dall’IRPEF in cinque rate annuali di importo pari a 2.200 Euro ciascuna.
Si ricorda a tale proposito che si tratta di una detrazione, pertanto nell’esempio precedente, se il contribuente è tenuto a pagare un’imposta di importo inferiore ai 2.200 Euro, la differenza viene persa. In quel caso è opportuno concordare la cessione del credito all’impresa che esegue le opere.

CESSIONE DEL CREDITO

La nuova normativa prevede la possibilità di cessione del credito all’impresa che effettua i lavori secondo le modalità dettate dalle leggi previgenti.

REQUISITI TECNICI

Oltre ai requisiti già in vigore, il Decreto prevede che gli interventi di efficientamento comportino il miglioramento di almeno 2 classi energetiche, oppure se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

Il contribuente è tenuto a rivolgersi ad un professionista per la redazione della documentazione richiesta ed in particolare :
1)Attestato di prestazione energetica necessario per dimostrare il miglioramento di almeno due classi dell’edificio
2)Asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici e della congruità economica degli interventi da trasmettere all’ENEA per via telematica

ASSICURAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I professionisti chiamati a redigere attestazioni o asseverazioni sono obbligati a stipulare una polizza assicurativa al fine di garantire ai propri clienti il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata.

CONSIDERAZIONI FINALI

L’ecobonus nella versione in vigore dal 01 luglio 2020 se da una parte può rappresentare una grossa occasione per i contribuenti in quanto innalza la percentuale del bonus e riduce il tempo di ritorno dell’investimento, dall’altra introduce paletti più stringenti e maggiori adempimenti burocratici. Per questo motivo è indispensabile consultare un professionista di fiducia allo scopo di individuare i limiti tecnici imposti per ciascun intervento e valutare gli adempimenti burocratici necessari.